PROSSIMI APPUNTAMENTI


Le chiusure delle nostre sedi per il mese di agosto

NOTIZIE DALLE CATEGORIE

Filcams CGIL Biella

Sei un lavoratore/lavoratrice con un par-time verticale ciclico e hai maturato il diritto all'indennità di 550 euro?

La FILCAMS CGIL di Biella ti assiste nella compilazione della domanda basta seguire le informazioni sul volantino qui a fianco.

Filctem CGIL Biella

Tirocini extracurriculari?

Ti hanno proposto o stai svolgendo un tirocinio extracurriculare e vuoi sapere come funziona rivolgiti alla FILCTEM CGIL di BIELLA

Per una prima informazione leggi il volantino qui a fianco



CGIL BIELLA NOTIZIE

Doppio Sciopero nello stabilimento Stellantis di Verrone


Le rappresentanza sindacali della FIOM CGIL sostenute dalla struttura provinciale hanno indetto due scioperi da 4 h per protestare contro Stellantis e l'abbandono in cui versa lo stabilimento.

La non volontà aziendale di considerare migliori condizioni di lavoro per far fronte al grande caldo suona come un ulteriore segnale della volontà aziendale di voler disinvestire.

Sabato 9 luglio 2022 con Libera banchetto in Via Italia per la campagna di raccolta firme "Giochiamo la nostra partita"

Proposta di legge regionale contro il gioco d'azzardo patologico

Venerdì 8 luglio 2022

Presentazione Catalogo della mostra dei 120 anni della Camera del Lavoro di Biella con Ilaria Romeo Responsabile Archivio Storico Cgil Nazionale e inaugurazione della mostra di Luciano Pivotto "Lavoro reality, economie" con Andrea Pivotto Responsabile Archivio Luciano Pivotto

Flash Mob IL MIO CORPO LE MIE SCELTE

mercoledì 6 luglio 2022

In difesa della legge 194 e per una sua piena attuazione a partire dagli investimenti sul personale per i consultori.

Elezioni RSU alla DE MARTINI di Verrone

Questa settimana si sono svolte le elezioni in De Martini spa a Cerrione, azienda innovativa e unica nel nostro territorio, dove le maestranze per la prima volta hanno eletto i loro rappresentanti con una partecipazione al voto superiore all’80%.

Un dato molto positivo e che ci vede sindacato di maggioranza conquistando due seggi pieni sui tre disponibili con il 75% delle preferenze, al fianco della Uiltec UIL, che si aggiudica il restante seggio e che ci seguirà in questa nuova avventura sindacale.

Auguriamo buon lavoro alla RSU tutta e in particolare alle nostre due nuove delegate, cui diamo un caloroso benvenuto.

Biella 24 giugno 2022

MANIFESTAZIONE 18 GIUGNO 2022 ROMA

Il 18 giugno 2022 si è svolta a ROMA l'Assemblea delle delegate e dei delegati della CGIL

"Pace-Lavoro-Giustizia Sociale-Democrazia camminano insieme"

All'assemblea ha partecipato anche una delegazione di Biella.


Lo scrittore Stefano Massini ricorda il ragazzo di 19 anni morto a Gubbio dopo l'esplosione della fabbrica in cui lavorava. La sua canzone sul palco, l'abbraccio con i genitori e il lungo applauso di piazza del popolo

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

PAOLO PASSARO NUOVO SEGRETARIO DELLA FISAC CGIL DI BIELLA

Il 15 giugno 2022 l'Assemblea Generale della Fisac CGil di Biella, categoria che si occupa delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto bancario-assicurativo, ha eletto a grande maggioranza Paolo Passaro, dipendente della Banca Sella, nuovo Segretario Generale della Categoria, al suo fianco Michele Borsetto, RSA della Cassa di Risparmio di Asti e Maria Teresa Sacco RSA di Rete Banca Sella

Paolo Passaro è entrato nel Gruppo Banca Sella nel 1996 dopo un'esperienza lavorativa nella scuola. Dal 2020 è impegnato in un progetto regionale della FISAC CGIL a supporto delle diverse realtà territoriali, raccoglie il testimone da Moreno Grosso, del Gruppo San Paolo, che è stato per otto anni (il massimo consentito dalle nostre regole) alla guida della categoria biellese.

Cogliamo l'occasione per augurare a Paolo e alla sua Segreteria auguri di Buon Lavoro e per ringraziare Moreno di tutto quanto fatto in questi anni.

ECO di BIELLA lunedì 13 giugno 2022 Le dichiarazioni del Segretario Generale della CGIL di Biella su un provvedimento innovativo e che il sindacato deve vivere come una nuova sfida e non come un ostacolo.

LA FP CGIL di Biella ottiene oltre alle stabilizzazioni di INFERMIERI e OSS previste dall'accordo regionale, anche il prolungamento dei contratti del personale amministrativo COVID sino al 31 ottobre. I problemi in Sanità però non mancano, tra lunghe liste d'attesa e problemi nelle prenotazioni a causa del CUP regionale, FP CGIL e CAMERA DEL LAVORO dicono la loro

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

1 giugno 2022 Assemblea delle delegate e dei delegati di tutte le categorie e delle attiviste e degli attivisti dello SPI

I VOLTI e il resoconto su LA STAMPA del 3 giugno 2022

Comunicato stampa FIOM CGIL

Alcuni giorni fa c’è stata un’intesa tra i sindacati firmatari del CCSL (Contratto Collettivo Specifico di Lavoro) voluto da Marchionne un decennio fa e non siglato dalla FIOM, che di fatto quantifica in 70 gli esuberi (per il momento) dello stabilimento di Verrone (ex Lancia) e il loro licenziamento incentivato. Pur partecipando alla trattativa, la FIOM CGIL di Biella ha deciso di non sottoscrivere l’accordo; questo perché a fronte di una

situazione che si fa sempre più grave, l’azienda non ha saputo dare risposte e garanzie sufficienti alla messa in opera di un provvedimento che dia prospettive positive per il futuro, ma delineando solo un progressivo svuotamento dello stabilimento, queste settanta uscite si sommano alle cinquanta dello corso autunno più ai

naturali pensionamenti.

Al momento la situazione occupazionale vede il plant di Verrone occupare 493 lavoratori (411 operai e 82 impiegati) ben lontano da quota 655 (556 operai e 99 impiegati) registrata nel 2019; con l’intesa appena siglata ci si impegna a portare a 425 lavoratori entro luglio 2023 con una perdita complessiva di 230 posti di lavoro pari al -35% nel quadriennio.

Dalla discussione non sono emersi impegni da parte dell’azienda sull’ipotesi di una ripresa occupazionale

consolidando nei fatti la perdita dei posti di lavoro.

La speranza per il futuro dello stabilimento è riposta nella produzione del cambio per motori commerciali EURO7 che dovrebbe, il condizionale è d’obbligo, andare a regime nel 2024 con una quota dichiarata di 1400 cambi al giorno pari a 280.000 cambi l’anno che, però, se paragonati ai 320.000 degli anni precedenti al 2019 rappresenterebbe una perdita di volumi di -12%.

Anche tenendo conto della perdita di volumi non si giustifica comunque un calo così drastico della forza lavoro, e questo ci fa temere sul futuro dello stabilimento, diverso sarebbe stato se si fosse accettata la nostra proposta di almeno in parte riattivare sin da subito un turn over, inserendo lavoratori nuovi e mantenendo così livelli

occupazionali in grado di garantire gli obiettivi di produzione necessari al mantenimento dello stabilimento.

Stellantis macina profitti garantendo 3,3 miliardi di euro di dividendi per i propri azionisti (fonte il sole 24 ore) e i l’A.D. percepisce un compenso che è 625 volte superiore a una paga operaia negli stabilimenti Stellantis.

Una diseguaglianza e una distorsione sociale che rende assurdo il progressivo disimpegno della società dallo stabilimento biellese.

Anche qualora confermato il cambio per i veicoli commerciali con motore EURO7 non rappresenta comunque una soluzione a lungo termine, perché bisogna già oggi porsi il problema della riconversione dello stabilimento rispetto alle nuove forme e il piano "Dare Forward 2030" di Tavares che promette il raddoppio del fatturato nel

decennio non ci rassicurta perchè non spiega cosa succederà agli stabilimenti italiani.

La FIOM-CGIL chiede per Verrone chiarezza e impegni concreti.

Serve un piano industriale, che ad oggi non c’è, coerente con le linee guida del PNRR per promuovere una

riconversione verso una mobilità sostenibile partendo dai mezzi di trasporto.

Serve un tavolo territoriale per promuovere la transizione interloquendo e coinvolgendo i rappresentanti degli insediamenti industriali come quello di Verrone per garantire un futuro al tessuto produttivo biellese, orgoglio del saper fare.

Serve che rappresentanti territoriali, a fianco dei lavoratori e alle organizzazioni sindacali, si facciano portavoce della necessità di trattenere posti di lavoro e competenze, che sono una risorsa per l'azienda, ma anche per il territorio biellese.